Quotidiano | Categorie: Fatti, Politica, Lavoro

Lavoro festivo, Gruppo regionale M5S: "vogliamo garantire ai lavoratori tempo libero per la vita familiare"

Di Note ufficiali Martedi 12 Dicembre 2017 alle 19:07 | 0 commenti

ArticleImage

"Vorremmo sapere quanti saranno costretti a lavorare a Natale, Santo Stefano e Capodanno. Ci piacerebbe chiederlo ai veneti, ma non possiamo: non vogliamo mica far perdere il posto di lavoro a qualcuno. Eppure, sappiamo che migliaia di veneti dovranno passare le Feste sul posto di lavoro invece di restare in famiglia e trascorrere qualche ora di pace e serenità con i propri cari." Lo chiedono i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, che "Incolpano di ciò il professor Mario Monti che, pensando di far il bene dell'economia, ha liberalizzato in modo selvaggio gli orari commerciali, portando le aperture dei negozi a 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Feste incluse."

"La cosa negativa - sottolineano i pentastellati - è che queste liberalizzazioni non hanno portato i benefici economici sperati e la crisi del settore è ancora forte."

"Due anni fa - ricordano gli esponenti del M5S - la Corte di Cassazione ha ribadito che il lavoro festivo non può essere un obbligo. Ma sappiamo bene che il lavoratore è la parte debole e spesso non si trova nelle condizioni di poter dire no. All'inizio di questa legislatura il Movimento 5 Stelle ha presentato in Parlamento una Legge sugli orari commerciali per tentare di mettere ordine in materia; il provvedimento puntava all'abrogazione delle liberalizzazioni di Monti e lasciava anche la possibilità per i commercianti di organizzarsi per aperture domenicali studiate sulla base di rotazioni che non avrebbero pesato troppo sui lavoratori ma, al contempo, avrebbero potuto soddisfare anche l'esigenza dei consumatori."

"Nonostante quello che dicono di noi, non vogliamo azzoppare il commercio e neppure impedire alla gente di fare la spesa - spiegano i consiglieri -. Quindi, dopo un percorso faticoso e tante battaglie, la nostra proposta è stata approvata, all'unanimità, alla Camera in un Testo Unico che non abolisce le liberalizzazioni, ma contiene alcune importanti misure per il piccolo commercio."

"Queste le principali novità - evidenziano i consiglieri regionali - gli orari devono prevedere almeno 6 chiusure festive obbligatorie su 12 festività individuate, viene stabilito un Fondo a favore delle microimprese, con uno stanziamento di 90 milioni di euro in un quinquennio da utilizzare per l'ampliamento dell'attività, per la dotazione di strumentazioni nuove, comprese quelle necessarie per i pagamenti tramite moneta elettronica, e di sistemi di sicurezza innovativi. Ma anche per l'accrescimento dell'efficienza energetica."

"Il testo è ora in discussione al Senato - concludono i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle - ma sappiamo che dà fastidio alle lobby della grande distribuzione. Anche in Veneto faremo la nostra parte per fare in modo che finisca questa situazione inaccettabile e che le famiglie possano trascorrere qualche giorno di serenità in più durante le Feste."

 

Leggi tutti gli articoli su: Movimento 5 Stelle

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

Mercoledi 27 Dicembre 2017 alle 16:25 da kairos
In Politica, Piero Ruzzante annuncia la nascita del gruppo consiliare "Liberi E Uguali" al posto di Articolo Uno - Movimento Democratico e Progressista

Lunedi 11 Dicembre 2017 alle 17:39 da kairos
In Piano lupi, Andrea Zanoni (PD): "Luca Zaia dimostra tutta la sua inadeguatezza"

Lunedi 13 Novembre 2017 alle 07:29 da kairos
In Alla manifestazione di EuroStop a Roma Giorgio Langella, Luc Thibault, altri vicentini e "tantissime bandiere di USB, PCI, PRC, Rete dei Comunisti, Rinascimento Socialista..."
Gli altri siti del nostro network