Quotidiano | Categorie: trasporti

Sovizzo, servizio di trasporto, cresce l’impegno dei volontari al servizio della comunità

Di Comunicati Stampa Lunedi 17 Luglio alle 11:58 | 0 commenti

ArticleImage

Il Servizio di Trasporto, messo a disposizione dal Comune di Sovizzo per venire incontro alle necessità dei meno fortunati che non possono spostarsi in autonomia, taglia nuovi traguardi.
Alla chiusura della prima metà del 2017 il servizio ha raddoppiato i viaggi effettuati. Sono 618 i trasporti nel primo semestre dell'anno, con un incremento di quasi il 50% in più rispetto allo stesso periodo del 2016. Ad usufruire del servizio di trasporto sono 45 utenti, segnalati dagli assistenti sociali che operano in collaborazione con gli uffici comunali, di cui 3 studenti iscritti presso gli istituti superiori della provincia. "Si tratta di un lavoro davvero prezioso - dichiara Armando Bolzon, Assessore al Sociale del Comune di Sovizzo - che non sarebbe possibile senza l'impegno volontario di queste persone. Una squadra composta da 11 elementi che dedicano parte del loro tempo ad aiutare i meno fortunati con un servizio che restituisce loro la possibilità di muoversi in maniera adeguata alle proprie esigenze. Basta solo pensare al disagio di una persona disabile, impossibilitata a muoversi con mezzi propri e senza il sostegno di amici o congiunti, e che deve sostenere una visita medica, per capire quanto prezioso sia il lavoro che fanno."

Un servizio gestito come detto da 11 volontari, che mettono gratuitamente a disposizione parte del loro tempo per aiutare i propri concittadini, organizzando i trasporti dal punto di vista logistico ed eseguendo anche la manutenzione ordinaria dei due mezzi destinati al trasporto.
Vetture messe a disposizione dall'Amministrazione comunale e attrezzati adeguatamente per il trasporto dei disabili, che di strada ne hanno percorsa molta. Una media di più 100 viaggi al mese, circa 4 viaggi al giorno, numeri che da settembre sono destinati a crescere ancora vista la manifestazione di interesse per l'adesione al servizio di un altro studente iscritto alla scuola superiore.
"Per questo alla fine di un anno così impegnato - conclude l'Assessore Bolzon - mi viene spontaneo ringraziare pubblicamente coloro che rendono possibile tutto questo Andriolo Claudio, Della Cioppa Giuseppe, Di Tusa Giuseppe, Frestazzi Carlo, Griffante Carlo, Ometto Lino, Rovea Giuseppe, Carlotto Luciano, Nicolin Natalino, Collicelli Paolo e Cracco Giuseppe, senza il cui impegno i nostri concittadini meno fortunati si troverebbero in ulteriori difficoltà. Al termine dell'anno scolastico colgo inoltre l'occasione per due ulteriori ringraziamenti, a Griffante Carlo e Pelizzari Fausto, i nostri ‘nonni vigile', che, seppur con un piccolo riconoscimento alla loro opera, mettono giornalmente a disposizione il loro tempo per la sicurezza di bambini, ragazzi e genitori all'ingresso e all'uscita dai nostri istituti scolastici. Un grazie di cuore a tutti loro."

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

Sabato 22 Luglio alle 19:53 da jobtwodott
In Vicenza, emergenza profughi: per il Comitato PrimaNoi è un grave errore collaborare con il prefetto

Mercoledi 12 Luglio alle 15:37 da kairos
In L'estrema destra che avanza, Pupillo: "Le istituzioni non possono mancare di coraggio"

Lunedi 10 Luglio alle 14:44 da jobtwodott
In 72° Anniversario "Eccidio di Schio", le polemiche del Comitato 7 luglio con Anpi e Avli
inserisco commento che proposi l'anno scorso (per altro mai pubblicato) sui fatti del partigiano Teppa
Le argomentazioni restano le medesime.
Noi che non vogliamo la pacificazione con i fascisti.
Intanto “noi” in forma di plurale maiestatis, non rappresentando nessuno ma con la segreta convinzione e speranza che sia una posizione ampiamente condivisa.
Il fascismo non fu, non è stato, non è e non sarà una posizione ideologica, una idea con la quale confrontarsi e quindi con la quale fare i conti. Il fascismo fu ed è semplicemente un crimine e chi lo sostenne e lo sostiene semplicemente un criminale. In più, in Italia, fu arruffone, buffonesco, pressappochista e cialtrone.
Non esiste, quindi, una equidistanza con altre forme, magari più sanguinarie di dittatura, dalle quali pur ci dissociamo allo spasimo. Esiste solo una condanna storica, giudiziale e politica che non ammette ripensamenti od attenuazioni.
In politica è possibile ogni cosa MA NON un accordo coi fascisti.
L’antifascismo militante è il fondamento dei valori dell’occidente democratico e della nostra repubblica.
La così detta pacificazione coi fascisti (attenzione, coi fascisti, non col fascismo, che come tale è incommensurabile ed improponibile) c’è già stata e fu la amnistia Togliatti. A mio parere i fascisti ed i loro amici pagarono troppo poco, tanto che nel dopo guerra fu loro permesso di riorganizzarsi: ma tant’è, così è la politica, così furono le superiori esigenze di pacificazione nazionale (o semplicemente serviva una coperta ampia per altri crimini). I fascisti anche per questo, non hanno diritto di rialzare la testa.
Improvvida fu pure la scelta, o non scelta, di consentire il risorgere di posizioni nostalgiche, tollerate fin anco nel parlamento italiano, pur nato dalla resistenza e che vietava e vieta nella sua carta costituzionale il ricostituirsi del partito fascista. Probabilmente fu un portato della troppo ampia pacificazione concessa, che consentì, assieme alla situazione politica della guerra fredda, il permanere di fascisti nelle pubbliche amministrazioni ed in luoghi generalmente di potere.
Il fascismo assunse il potere con un colpo di stato, antidemocratico nella forma e nei fatti. Consolidò il suo potere con l’arbitrio, il sangue, l’intolleranza e la prevaricazione. Fu la causa prima ed unica dell’entrata in guerra coi nazisti, loro degni compari, causò le sofferenze che conosciamo (ma non abbastanza). In più non fu nemmeno in grado di vincerla, la guerra. Mussolini, nonostante tutta la sua prosopopea, riuscì a mobilitare molte meno risorse che non gli italiani  per la grande guerra: credeva che i suoi proclami e le sue parole di trasformassero in oro: poveretto. Basterebbe il delitto Matteotti e le Leggi fascistissime, e poi le leggi antirazziali, per eliminarli dalla Storia, anche se ci fu di peggio.
Quindi in fascismo ed il suo duce NON erano un governo democratico, ma frutto di un colpo di stato, illegali fin dall’origine.
Cadde per una faida interna al medesimo fascismo (in combutta col re).
L’esercito aveva giurato al re e non al duce od al fascismo.
Il governo che succedette al duce (Badoglio) tentò di ripristinare, malamente e controvoglia un regime democratico come ex ante fascismo Furono anch’essi travolti dalla guerra, dagli alleati, dal popolo italiano, dalla storia in definitiva. Comunque  il governo Badoglio non aveva le sue basi su un colpo di stato fascista, ma su un tentativo di proseguimento di democrazia liberale con lo statuto albertino: erano fuori dai tempi, ma certo più legittimi, NON meno legittimi dei fascisti.
I Nazisti occuparono immediatamente l’Italia (e la smembrarono) in avallo ad un regime illegale e liberticida (come erano loro medesimi, per altro).
La Repubblica Sociale Italiana si instaurò a supporto di un esercito invasore (e come tale si comportò), non fu certo la continuità del precedente stato italiano, non fosse altro perché non richiamava lo statuto albertino, rinnegava il re, e non aveva esercito e forza propri. Se anche fosse stato la continuità del regime fascista, fatto cadere dai loro stessi gerarchi, sarebbe stato, comunque, la continuità di uno stato golpista, liberticida, totalitario.  Furono come tutti i governi nei territori occupati dai nazisti : SERVI che ammazzavano i compatrioti.
La guerra di Liberazione non fu una guerra civile di due eserciti di due parti politiche. Fu la Resistenza degli italiani e dee territorio invaso contro la soldataglia di occupazione straniera e contro i loro lacchè sanguinari.
Nessun parallelo od equidistanza od equipollenza, nessuna confusione può esser fatta su ciò.
 
Detto ed interiorizzato tutto ciò credo sia stato giusto revocare la medaglia al partigiano scledense Teppa.
Non per miscellanea di discorsi equivoci o di invocate pari dignità.
I fascisti erano e restano criminali, come già detto, e nessun accordo politico con loro può nemmeno essere ipotizzato.
Tuttavia anche i partigiani che si sono macchiati di crimini sono criminali, e certo non diventano eroi. Per questo è stato giusto revocare la medaglia che non doveva mai essere concessa.
Questo errore (quanto in buona fede ?) ha provocato il “riarmo” dei fascisti nostrani che invocano pari dignità eccetera eccetera.
 Certo pietà umana per i morti, ma nessuna tolleranza per i fascisti e per il fascismo od i loro alleati e compagni di merende.
 
Mariano Professione
via Bardella 32 
36100 VIcenza
fisso 0444 511447
cell. 340 9234314

Vicenza 11/8/2016
Gli altri siti del nostro network