Quotidiano | Categorie: Fatti, Politica, Ambiente

Seconda Commissione regionale, proposta per individuare la quantità massima di utilizzo di suolo ammesso in vista di ‘consumo 0' nel 2050

Di Comunicati Stampa Giovedi 18 Gennaio alle 16:05 | 0 commenti

ArticleImage

Nel corso della seduta di oggi 18 gennaio della Seconda Commissione consiliare permanente, alla presenza dell'Assessore regionale Cristiano Corazzari, è stata illustrata la DGR/CR con cui la Giunta, nel pieno rispetto dei termini di legge, ha redatto una proposta per individuare la quantità massima di consumo di suolo ammesso nel territorio regionale per raggiungere l'obiettivo di ‘consumo zero' nel 2050, secondo quanto disposto dalla Legge regionale 6 giugno 2017, n. 14, ‘Disposizioni per il contenimento del consumo di suolo'. Come spiega Francesco Calzavara (nella foto a sinistra conil vice Andrea Zanoni), Presidente della Seconda Commissione: "In base alla proposta formulata dalla Giunta - che ringrazio per la mole e la qualità del lavoro svolto, peraltro con grande tempestività - vi sono in Veneto 21.323 ettari di terreno libero e disponibile, ai quali verrebbe sottratta una quota di riserva, in via prudenziale, del 40%. 

Rimarrebbero, quindi, 12.793 ettari disponibili per il consumo di suolo, da oggi fino al 2050, che verrebbero ridistribuiti tra i singoli comuni sulla base di dati oggettivi, emersi dalle schede restituite dalla quasi totalità degli Enti Locali veneti, con l'applicazione di alcuni correttivi, quali la pericolosità sismica, l'alta tensione abitativa e le varianti verdi. Per arrivare al consumo zero nel 2050, dovrebbe essere applicata una velocità di consumo del suolo pari a circa 400 ettari per anno, con una media quindi inferiore a quella nazionale."

Il provvedimento a stretto giro approderà in Commissione per l'esame e la votazione.
La Seconda Commissione ha, inoltre, illustrato e licenziato all'unanimità il Programma di interventi di sistemazione idraulico-forestale per l'anno 2018, di cui alla L.R. 13 settembre 1988, n. 52, ‘Legge forestale regionale'. Si tratta di una attività di programmazione annuale, prevista dalla succitata normativa, per sistemare dal punto di vista idrogeologico il territorio montano- boschivo.
Infine, all'unanimità, la Commissione ha autorizzato il Comune di Treviso a effettuare un Piano straordinario di vendita di 21 alloggi di edilizia residenziale pubblica, vetusti e ubicati nella prima periferia cittadina, che verrebbero alienati a un prezzo particolarmente favorevole allo scopo di destinare la somma ricavata per interventi di manutenzione straordinaria su altri alloggi ERP.

Consiglio Regionale del veneto

 


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

Mercoledi 27 Dicembre 2017 alle 16:25 da kairos
In Politica, Piero Ruzzante annuncia la nascita del gruppo consiliare "Liberi E Uguali" al posto di Articolo Uno - Movimento Democratico e Progressista

Lunedi 11 Dicembre 2017 alle 17:39 da kairos
In Piano lupi, Andrea Zanoni (PD): "Luca Zaia dimostra tutta la sua inadeguatezza"

Lunedi 13 Novembre 2017 alle 07:29 da kairos
In Alla manifestazione di EuroStop a Roma Giorgio Langella, Luc Thibault, altri vicentini e "tantissime bandiere di USB, PCI, PRC, Rete dei Comunisti, Rinascimento Socialista..."
Gli altri siti del nostro network