Lettori in diretta | Quotidiano | Categorie: Fatti

Il ponte di Roana e i suicidi, l'idea del lettore: per evitarli una "installazione" di filo spinato della Grande Guerra lungo il parapetto

Di Citizen Writers Mercoledi 6 Settembre alle 16:20 | 1 commenti

ArticleImage

Pubblicato il 5 settembre alle 22.58, aggiornato il 6 alle 16.20. Egregio Direttore, ancora una volta il ponte di Roana ritorna a far parlare di sé. Nell'arco di un mese due imprenditori l'hanno scelto per l'ultimo atto, l'ultimo passo disperato della loro vita. So di un progetto di quel Comune rivolto a impedire che lo storico ponte, caparbiamente voluto dalla "Togna Turca", esaltante figura di donna cimbra roanese, stanca e arrabbiata di dovere scendere, e risalire imprecando, la Val d'Assa per recarsi verso Asiago, consentisse di realizzare ben altro, triste progetto. Esso risale al 2005 e possiede tutti i visti per essere realizzato, compresa l'approvazione della Soprintendenza ai Beni Culturali e Paesaggistici.

Mancano però i fondi necessari preventivati: un milione di euro. Esso prevede sul ponte, ai lati della sede stradale, un'alta struttura metallica che nel disegno ricordi la "silhouette" di un'auto Lamborghini, il modello Gallago.
L'importo di spesa e, anche di più, la forma estetica di deterrente scelta, mi lascia oltremodo perplesso.
Stiamo attraversando gli anni del Centenario e questo ponte, se potesse parlare, avrebbe molto da dire. Muto testimone delle vicende belliche che intorno ad esso si svolsero, venne fatto saltare e poi ricomposto con le stesse pietre modanate che erano state il suo corpo.
Avrei un'idea, molto modesta, soprattutto nella spesa, ma certamente efficace. Basterebbero alcune centinaia di metri di filo spinato, magari con ruggine, meglio ancora se proveniente proprio da quei campi di battaglia, applicati con cura sopra il parapetto, e nessuno salterebbe giù, almeno da lì.
È tempo di installazioni artistiche, anche relative alla Grande Guerra. Questo Ponte potrebbe diventare, con l'attenta applicazione di autentici reperti e cimeli bellici, che tanti abitanti dell'Altipiano sarebbero orgogliosi di prestare, un'intensa, impressionante realtà museale che nessuno poi avrebbe il coraggio di rimuovere. E a costo irrisorio.
Troppo economico per essere preso in considerazione?
La ringrazio dell'attenzione e La saluto cordialmente

Emilio Fornasa

Leggi tutti gli articoli su: Emilio Fornasa, ponte di Roana

Commenti

Inviato Domenica 22 Ottobre alle 15:02

Quando i conti vicentini "Capra" (quelli della Rotonda) diventarono marchesi ottenendo il Palatinato, regalarono ai loro contadini un ponte per attraversare il Bacchiglione, senza usare la barca e raggiungere le proprietà terriere dei nobili vicentini. Il ponte successivamente ha avuto un posto nella Toponomastica cittadina.......diventò Strada del Ponte del Marchese o semplicemente Ponte Marchese. Fine.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

Giovedi 28 Settembre alle 07:07 da kairos
In Scandalo concorsi universitari, CUB Veneto: "i rettori si costituiscano parte civile"

Giovedi 21 Settembre alle 17:38 da Kaiser
In Sanità, l'on. Daniela Sbrollini (PD): "prometto battaglia contro il declassamento del Veneto dei servizi di neuropsichiatria infantile"
Gli altri siti del nostro network