Quotidiano | Categorie: Politica

Il 17 dicembre referendum su fusione di comuni anche in provincia di Vicenza: nascono Barbarano Mossano e Arsiero Tonezza

Di Note ufficiali Martedi 17 Ottobre 2017 alle 18:03 | 1 commenti

ArticleImage

Il 17 dicembre prossimo sarà giornata di consultazione referendaria per i cittadini di una serie di comuni veneti che sono chiamati ad esprimersi sulla fusione in nuove realtà amministrative comunali. La giunta regionale infatti su proposta del vicepresidente e assessore agli enti locali ha approvato i provvedimenti con cui vengono indetti i referendum consultivi per la fusione dei Comuni di Barbarano Vicentino e Mossano nel nuovo Comune denominato "Barbarano Mossano" e dei Comuni di Arsiero e Tonezza del Cimone nel nuovo Comune denominato "Arsiero Tonezza" in provincia di Vicenza.

E poi dei Comuni di Belfiore e Caldiero della provincia di Verona nel nuovo Comune denominato "Belfiore Caldiero Terme"; dei Comuni di Saletto, Santa Margherita d'Adige, Megliadino San Fidenzio e Megliadino San Vitale nel nuovo Comune denominato "Quattroville" in provincia di Padova; dei Comuni di Falcade e Canale d'Agordo nel nuovo Comune denominato "Valle del Biois in provincia di Belluno.

"La giunta regionale ha voluto dare un segnale importante - ha commentato il vicepresidente Gianluca Forcolin - fissando la data delle consultazioni referendarie per dar modo ai cittadini interessati di potersi esprimere. Anche gli ultimi due giudizi di meritevolezza approvati dal consiglio pochi giorni fa hanno trovato oggi nelle delibere di giunta immediata risposta, consentendo peraltro, con l'individuazione di un'unica data per le votazioni, di ridurre ragionevolmente i costi da sostenere per le consultazioni".

"La Regione - conclude il vicepresidente - prosegue dunque nel percorso che la vede impegnata per la razionalizzazione e l'efficientamento delle pubbliche amministrazioni, camminando sempre a fianco delle autonomie locali con sinergie che in termini concreti vanno dal supporto amministrativo e legislativo, alla formazione e al finanziamento di questi processi di cambiamento dell'assetto del territorio".

Il voto potrà essere espresso dalle ore 7 alle ore 23 di domenica 17 dicembre su un quesito referendario che chiede se si è favorevoli o no alla fusione. In caso di vittoria dei sì e a conclusione dell'intero iter il Consiglio regionale procederà ad approvare le leggi di istituzioni dei nuovi comuni.


Commenti

Inviato Mercoledi 18 Ottobre 2017 alle 12:56

Scommetto che nelle loro note ufficiali, questi soloni...non sanno dove si trovano i comuni di Posina, Laghi, Terragnolo, Vallarsa..ecc. che come Comuni del Pasubio potrebbero UNIRSI e dare un senso alla Madre Patria rivista e corretta dopo il 1918.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

Mercoledi 27 Dicembre 2017 alle 16:25 da kairos
In Politica, Piero Ruzzante annuncia la nascita del gruppo consiliare "Liberi E Uguali" al posto di Articolo Uno - Movimento Democratico e Progressista

Lunedi 11 Dicembre 2017 alle 17:39 da kairos
In Piano lupi, Andrea Zanoni (PD): "Luca Zaia dimostra tutta la sua inadeguatezza"

Lunedi 13 Novembre 2017 alle 07:29 da kairos
In Alla manifestazione di EuroStop a Roma Giorgio Langella, Luc Thibault, altri vicentini e "tantissime bandiere di USB, PCI, PRC, Rete dei Comunisti, Rinascimento Socialista..."
Gli altri siti del nostro network